Cybervirgins

The tendency of spreading sex has been adopted by many magazines of large circulation and by other media such as TV and Internet news sites. Magazines with large circulation have a well-defined and advertised section of “tips, tricks and secrets” concerning sex. It reminds me of the time when I was publishing computer science books where the tricks of using the software were revealed.

Apart from the fact that communication about sex has become technicized, giving space for tricks and the advice of “experts,” perhaps for exorcising the intense and inner engaging nature of sexuality, it remains a fact that sexual messages are present in a pervasive way in every media. It seems that the world is like a global “Sex and the City” set, made of free and varied sexual meetings. If this can be true in some areas of the world, the planetary diffusion of sexual messages culturally does not find much similarity worldwide. The reality is that at least two-thirds of the world lives in a rather restrictive, traditional, and sometimes even very repressive culture regarding sex.

The massive process of worldwide urbanization caused the appearance of a growing number of singles not only in the West but even in every emerging country, especially in Asia and the Middle East. In Shanghai, Delhi, Seoul, Bangkok, Dubai, Manila or Jakarta, the growing class of office employees is formed mainly of women, connected to the Internet.

They often live alone or with female roommates, are members of Internet social networks and dating sites, like Western women. During breaks at work they chat and a growing percentage connects to the Net from home also. This seems to be the lifestyle of many women in the West, but there is a fundamental difference: they live in a traditional society as far as sexual roles are concerned. Even though some countries, like Thailand, are well-known for their hot night life, the majority of people follow very traditional behavior and lifestyles.

As a contrast to their upbringing, a culture without filters can sneak through their computer screen (which has almost nothing to do with tradition) of virtual meetings, erotic chats and porno sites, sometimes extreme ones. The ease of getting in contact with anyone through dating sites is a great difference between ordinary reality and what one lives online on the screen. The gap between traditional culture and the online becomes more and more wide because the culture of a whole country evolves more slowly compared to the speed of technological and online transformation. A great dichotomy is being created between the way one should be and appear in a certain manner according to the requirements of traditional culture and what the Net offers.

La tendenza a divulgare il sesso è stata adottata da parecchie riviste di larga tiratura e da altri media quali la televisione e i siti Internet di informazione. Le riviste di grande diffusione hanno una sezione ben nutrita e pubblicizzata di “consigli, trucchi e segreti” sul sesso. Mi ricorda quando pubblicavo i libri di informatica dove svelavamo i trucchi dell’utlizzo del software.

A parte il fatto che la comunicazione sessuale si è tecnicizzata, dando spazio ai trucchi e ai consigli degli “esperti”, forse per esorcizzare la natura intensa e interiormente coinvolgente della sessualità, sta di fatto che i messaggi sessuali sono oramai presenti in modo pervasivo in tutti i media. Sembra che la vita sia tutto un “Sex and the City” fatta di libertà di incontri e varietà.

Se questo può essere vero in alcune aree del pianeta, la diffusione planetaria di messaggi sessuali non corrisponde ad un’altrettanta apertura delle culture. La realtà dei fatti è che almeno i due terzi del mondo vive una cultura tutt’ora piuttosto restrittiva, tradizionale e talvolta anche fortemente repressiva nei confronti del sesso.

Il processo di massiccia urbanizzazione mondiale ha portato alla comparsa di un numero elevatissimo di singles non solo in occidente, ma anche in ogni nazione emergente, in particolare in Asia e nel Medio Oriente. A Shanghai, Delhi, Seul, Bangkok, Dubai, Manila o Jakarta, la crescente classe impiegatizia negli uffici è formata prevalentemente da donne, connesse a Internet.

Thus, peculiar figures are being created on the Net, whom I label cybervirgins: women who have never had real sexual relationships with a man but are sexually active online. We are not speaking about young girls, but college students, employed women, mature women and, it is rather surprising for a Western man to discover that women who are in their 30s or even 40s, in certain cultures, are still virgins if they’ve never had a husband.

The culture of which they are part limits the probability of a single woman meeting men, especially if she is not very young anymore. Added to this, there’s a social formality ruling contacts with the opposite sex and a series of traditional rules of behavior. To all the above we have to add the inner limits due to the superego: superego in terms of self-judgment about their behavior and the fear of being judged by society. Very often this female figure lives alone, far from the original family and feels lonely.

The solution seems to be right at hand. The Internet opens infinite possibilities of meeting, in contrast with the boring life of home and work (much more work in the emerging economies). Self-judgment is partially overcome by the protection given by the screen and by the fact that nobody will come to know anything. The medium helps her to know men, even intimately, of whom she has little experience. Afterward a world of seductions, desires, admissions, eroticism, curiosities, lust, pornography, cybersex through words or the webcam can be opened.

In the 1970s Nancy Friday published hundreds of interviews regarding the fantasies and sexual activities of women, revealing vivid, complex, imaginative, sometimes extreme sexual lives, debunking the cultural myth of those times that women “don’t think about sex that much.” Now the same fantasies can be shared online anonymously, but for a cybervirgin the sensuality and world of lust take place only through the Internet.

Cybervirgins are aware that there is a strong difference with real relationships, even if they have not had any. But after a prolonged experience online there are subtle mental mechanisms which at a certain moment get the upper hand. The nature of the medium itself, even in those who have had their cybersex experiences after many real ones, brings a peculiar attachment to the medium, much more for a cybervirgin. For example, she can define as a boyfriend a man with whom she had only online contacts, and who in turn probably defines himself the same way with other women. In some cases she can become dependent upon porn or cybersex, or masturbate compulsively with variegated sexual fantasies. At other times the extreme nature of some Internet porn creates an inhibitory instead of liberating effect, postponing the meeting with real sex even more.

But most of all the cybervirgin would become attached to the attention given to her in dating sites, to feeling seen, heard, desired and seduced. An email or a message in a dating site becomes the emotion of a love letter, a chat becomes a romantic evening. The process of seduction from the man’s side, which in order to be efficient must be necessarily gentle and respectful of the stages (otherwise just with a single click he can be deleted from her contacts), gratifies and hooks her. Therefore, it becomes possible to share intimately without any shame and to open oneself in manners which can hardly happen in reality. A man on the other hand can have the chance to perfect the art of seduction by learning not to be always impatient and to use words in a way that touch the mind, the emotions and the body.

Basically she is always searching for “the great love” but after a certain time the searching process in itself substitutes the end, which is also less risky for the heart than real meetings. Those few real meetings that she had (if she had any) were mostly unsatisfactory. Remaining in the virtual world she can continue to feed the dream of finding her prince. Because of cultural and religious reasons women have been told to give attention to the “high layers” more than to the body and its feelings. This has fed a world of dreams which sometimes expands in a lack of touch with reality.

There are also the “cybervirgins again”: women separated since years during which they have not had any sexual contact with a man, being busy with children, with their work, and being limited by their traditional societies which do not encourage new meetings. At a certain moment they find themselves with almost independent children as early as 40 years old and with the maturity which makes them more sensual and open. They are strong women who managed to carry on with their family as single mothers, passionate and willing to feel desired again, who find an escape from family and work pressure through the Internet.

The phenomenon of cybervirgins involves young girls as well. Any teenager can access sexual material through the Internet much before getting explicit guidance from the pivotal adults in her life, like parents or teachers. We teach sport to young people, we teach them technologies, culture, arts, but very seldom, even in the most progressive nations, is sexuality faced in an honest and open manner. We guide them step by step enrolling them in the most disparate courses but when it comes to dealing with sexuality, the strongest energy that a human being can meet (apart from meeting the Divine), society leaves them to themselves, abandons them with hypocrisy and cowardice so as not to face themes inconvenient to adults themselves.

Therefore, the first sexual curiosities are satisfied more often through the Internet and as more often than not these continue for some time before having real experiences. I wrote about the female universe because in the dating sites I visited and the people I chat with were mostly females. The masculine world has different modalities of entering the online world, nevertheless complementary in the direction of withdrawing from the reality.

The Internet is nothing new in having the initial approach to sex being mediated by images. This happened in the past as well. When I was a boy there were sex comic strip stories and magazines with sex photos. But it was different, quantitatively (what we could see was very mild compared with what is available today) and, above all, qualitatively (there was no interaction with a real person who probably will never be met).

Furthermore, in most parts of the world pornography did not exist or it could be accessed only in a limited way until a few years ago. The impact of porn is particularly strong in countries which got transformed in a few years from complete obscurity to having a direct entry in the intimacy of their homes. With the Internet an anthropological change is happening which has not yet been fully analyzed. Questionnaires of sociology and psychology do not matter in such a world: it is only possible to know it through having experienced it in first person or by word of mouth between friends. Now, Western and Eastern countries are joined by the same technologies, the same individualism and the same alienation.

In order to understand the impact of this phenomenon on the psyche and on relationships we do not need either judgments of the Internet as a medium, or of the involved people, but an attitude of research without prejudice.

The fundamental questions on this matter are: what happens when sex, an emotional and sensorial experience, in addition to being mental, gets mediated by a screen for a long time predominantly on the mental and visual planes? If this approach to sexuality is the first and the only one for a long time, what type of imprint does it leave on the psyche? What type of relationships with the opposite sex will be shaped in the future? Do Internet cyber-meetings smoothen the way for more open and deep meetings in reality, or do they make us increase the distance more and more from the real which is not familiar and which would involve unknown inner channels?

Vivono da sole o convivono con amiche, sono presenti su Internet nei social networks e nei siti di incontri online, come lo sono le occidentali. Durante le pause di lavoro chattano e una percentuale si crescente si connette alla rete anche da casa. Sembra lo stesso stile di vita di molte donne dell’Occidente ma con una differenza fondamentale: vivono in una società molto più tradizionale per quanto riguarda i costumi sessuali. Anche se alcuni paesi, come la Tailandia, sono noti anche per l’incandescente vita notturna, la stragrande maggioranza delle persone segue comportamenti e stili di vita molto tradizionali.

In contrasto all’educazione ricevuta, dallo schermo del loro conputer può introdursi senza filtri una cultura che ha poco a che fare con la tradizione, fatta di incontri virtuali, di chat erotiche e di siti porno, a volte estremo. La facilità con cui si entra in contatto con chiunque tramite i siti di incontri porta ad un grande divario tra la realtà ordinaria e ciò che si vive online sullo schermo. La forbice tra la cultura tradizionale e quella online si fa sempre più ampia in quanto la cultura di un intero popolo si evolve in modo molto più lento rispetto alla velocità di trasformazione della Rete. Si crea una grande dicotomia tra il dover essere ed apparire in un certo modo secondo le richieste della cultura tradizionale e l’offerta della Rete.

Si crea quindi una peculiare figura della Rete che definisco come cibervergini, donne che non hanno mai avuto rapporti sessuali reali con un uomo ma sono attiva online su un piano sessuale. Non ragazzine, ma studentesse universitarie, impiegate, donne mature, ed è alquanto sorprendente per un occidentale scoperire che donne sulla trentina o sulla quarantina, in certe culture, sono ancora vergini se non sono state sposate.

La cultura in cui vivono limita le possibilità di incontro per una donna single, soprattutto se non più giovanissima. A questo si aggiunge la formalità nei contatti con l’altro sesso e una serie di regole tradizionali di comportamento. A tutto ciò si aggiungono i limiti interiori dati dal superego che fanno sentire tutto il loro peso nella psiche. Superego in termini di giudizi verso i propri comportamenti e di timore di giudizi da parte della società. Spesso questa figura femminile vive sola, lontano dalla famiglia di origine e si sente sola.

La soluzione sembra a portata di mano. Con Internet si aprono infinite possibilità di incontro in contrasto alla noiosa vita fatta di casa e lavoro (tanto lavoro nelle economie emergenti). I giudizi verso se stessi vengono in parte superati dalla protezione dello schermo e dal fatto che nessuno verrà a sapere alcunché. Il medium la aiuta anche a conoscere il pianeta uomo, anche intimamente, di cui hanno poco esperiemza. Incontrano anche la loro sensualità, mai prima riconosciuta né da se stesse né da una cultura che non la valorizza. Dopo di che si può aprire un mondo fatto di seduzioni, desideri, ammissioni, erotismo, curiosità, lussurie, pornografia, cibersesso tramite parole o con la webcam.

Nancy Friday all’inizio degli anni 70 ha divulgato centinaia di interviste riguardanti le fantasie e le attività sessuali delle donne, rivelando una vita sessuale vivace, complessa, fantasiosa, a tratti estrema, sfatando il mito culturale del tempi che riteneva che le donne “non ci pensassero più di un tanto”. Ora le stesse fantasie possono essere condivise in pieno anonimato online, ma per una cibervergine tutto il mondo della sensualità e della lussuria avviene unicamente via Internet.

Le cibervergini sono consapevoli che vi è una forte differenza con i rapporti reali, pur non avendone avuti. Ma dopo una prolungata permanenza online vi sono dei meccanismi mentali sottili che a un certo punto prendono il sopravvento. La natura stessa del medium, anche in chi ha avuto le sue ciberesperienze sessuali dopo diverse esperienze reali, porta ad un peculiare attaccamento al medium. Ad esempio una cibervergine può definire come fidanzato un uomo con cui ha avuto solo dei contatti online e che probabilmente si definisce tale con altre donne. In alcuni casi può diventare dipendente da porno o da cibersesso, o masturbarsi compulsivamente con fantasie sessuali variegate. Altre volte invece la natura estrema di parte della pornografia in Rete crea un effetto inibitorio invece che liberatorio, allontanando ulteriormente l’incontro con il sesso reale.

Ma soprattutto la cibervergine si attacca alle attenzioni che le vengono date  nei siti di incontri, al sentirsi vista, ascoltata, intrattenuta, desiderata e sedotta. Una email o un messaggio in un sito di incontri diventa l’emozione di una lettera d’amore, una chat diventa una serata romantica. Il processo di seduzione da parte dell’uomo, che se vuole essere efficace deve essere necessariamente gentile e rispettoso delle fasi (altrimenti con un solo clic può essere cancelllato dai contatti), gratifica e coinvolge. Diventa quindi possibile condividere intimamente senza vergogna ed aprirsi in modi che difficilmente potrebbero avvenire nella realtà. Dalla parte dell’uomo si ha l’opportunità di perfezionare l’arte della seduzione imparando a non essere sempre impazienti ed a usare le parole come mezzo che tocca la mente, le emozioni e il corpo.

Fondamentalmente ella cerca sempre il grande amore ma dopo un certo tempo il processo di ricerca in sé si sostituisce al fine, che è anche meno rischioso per il cuore degli incontri in realtà. I pochi incontri reali che ha avuto, se li ha avuti, più che altro sono stati insoddisfacenti. Rimanendo nel virtuale può quindi continuare ad alimentare il sogno di trovare il principe azzurro. Per ragione culturali e religiose alla donna è stato comunicato di portare l’attenzione verso gli “strati alti” più che verso il corpo e le sue sensazioni. Questo ha alimentato un mondo di sogni che talvolta sfocia in mancanza di contatto con la realtà.

Vi sono anche le cibervergini di ritorno: donne separate da anni durante i quali non hanno avuto più  contatti sessuali con un uomo, perché occupate dai figli, dal lavoro e limitate dalle società tradizionali che non incoraggiano i nuovi incontri. Si ritrovano ad un certo punto con figli quasi indipendenti magari a soli quarant’anni e con una maturazione che le rende più sensuali ed aperte. Sono donne forti che hanno portato avanti una famiglia da sole, passionali e disposte a sentirsi di nuovo desiderate, che trovano in Internet una via d’uscita dalle pressioni della famiglia e del lavoro.

Quello delle cibervergini è un fenomeno che coinvolge anche giovani ragazze. Qualsiasi giovane adolescente tramite la Rete può accedere a materiale sessuale molto prima di ricevere delle indicazioni chiare dagli adulti di riferimento della sua vita, quali i genitori e gli insegnanti. Formiamo i ragazzini agli sport, alle tecnologie, alla cultura, alle arti, ma raramente, anche nelle nazioni più progredite, viene affrontata la sessualità in modo chiaro ed aperto. Li guidiamo passo a passo iscrivendoli ai corsi più disparati, ma quando si tratta di sessualità, l’energia più potente che l’essere umano possa incontrare (a parte l’incontro col divino), la società li lascia a se stessi, li abbandona con ipocrisia e codardìa per non affrontare temi scomodi agli adulti stessi.

Quindi le prime curiosità sessuali avvengono sempre più spesso tramite Internet e altrettanto spesso lì proseguono per diverso tempo prima di avere esperienze reali. Ho scritto di un universo femminile in quanto nei siti di incontri che ho frequentato e nelle chat le mie interlocutrici erano femmine. Il mondo maschile vive altre modalità per inserirsi nel mondo online, tuttavia complementari nella direzione di ritirarsi dalla realtà.

Internet non è niente di nuovo nel senso di avere un approccio inziale verso il sesso stato mediato da immagini. Questo è avvenuto anche nel passato. Quando ero un ragazzino c’erano i fumetti e le riviste di foto erotiche. Ma era diverso, quantitativamente (ciò che si vedeva era roba per educande in confronto a ciò che è disponibile oggi) e soprattutto qualitativamente (non si interagiva con un’altra persona che probabilmente non verrà mai incontrata).

Inoltre, nella maggior parte del mondo la pornografia non esisteva o si trovava in modo molto limitato fino a pochi anni addietro e l’impatto del porno è particolarmente forte proprio in tali paesi dove in  pochi anni sono passati dalla completa oscurazione all’entrata diretta nell’intimo delle proprie case. Con Internet avviene un mutamento antropologico che non è ancora stato analizzato in pieno. I questionari della sociologia e della psicologia non accedono ad un tale mondo, è solo possibile conoscerlo perché lo si è vissuto in prima persona o per passa parola tra amici. Ora i paesi occidentali e quelli emergenti sono accomunati dalle stesse tecnologie, dallo stesso individualismo e dalla stessa alienazione.

Per comprendere l’impatto di questo fenomeno sulla psiche e sulle relazioni non servono né giudizi verso il medium Internet né verso le persone coinvolte, ma un atteggiamento di ricerca senza pregiudizi.

Le domande fondamentali a questo riguardo sono: cosa succede quando il sesso, un’esperienza emozionale e sensoriale, oltre che mentale, si sposta per lungo tempo prevalentemente sul piano mentale e visivo, mediato da uno schermo? Se questo approccio è il primo e il solo approccio alla sessualità per lungo tempo, quale tipo di imprinting lascia nella psiche? Che tipo di  relazioni con l’altro sesso si creano in futuro? Gli incontri via Internet spianano la strada per un incontro reale più aperto e profondo oppure porta a distanziarsi sempre più da un reale che non è familiare e che coinvolgerebbe canali interiori sconosciuti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.